Sebastian Vettel conquista la pole position del Gran Premio di Germania. Alla fine la pioggia non è arrivata – ma è caduta abbondante in mattinata nelle FP3 – e con il super tempo di 1’11”212 il tedesco della Rossa mette a segno sul circuito di casa il nuovo record della pista, strappandolo al suo idolo Michael Schumacher. La Ferrari ritorna così in pole dopo tre GP di digiuno (l’ultima in Canada) ed è una pole che ha già il sapore della vittoria, considerato il disastro di Lewis Hamilton che rompendo il cambio al termine della Q1 per colpa di un lungo in curva 1 non ha preso parte alla Q2 e domani partirà 14esimo. Quasi certamente con la bava alla bocca per aver servito un “assist mondiale” al rivale della Ferrari.

A giocare un brutto scherzo a Vettel ci ha provato Valtteri Bottas, ma alla fine il finlandese si è dovuto accontentare della seconda posizione a 2 decimi di distacco. Terzo Kimi Raikkonen, seguito da Max Verstappen (che in Q2 ha provato inutilmente a superare il taglio con gomma gialla) e dalla sorprendente coppia Haas Magnussen-Grosjean. Chiudono la top ten Nico Hulkenberg, Carlos Sainz, Charles Leclerc sempre più abituato a trovarsi nelle posizioni che contano e Sergio Perez. Come Hamilton, anche Daniel Ricciardo non ha preso parte alla Q2, qualificandosi 15esimo. Per l’australiano si è trattata di una “scelta di risparmio”, vista la penalizzazione di 15 posizioni in griglia che lo avrebbe ugualmente portato a fondo classifica.

I commenti a caldo

Hamilton Germania 2018

Sebastian Vettel: “Grazie mille a tutte le persone che sono qui a sostenermi. Spero che vi siate divertiti e spero di potermi ripetere anche domani e regalare altre emozioni. Nel Q1 già sentivo che la macchina poteva fare qualcosa di speciale, ma poi devi metterlo in pratica. Miglioravo giro dopo giro, sapevo di avere di più e sono contento di essere riuscito a spremere tutto dalla macchina”.

Valtteri Bottas: “Un giro quasi perfetto, si può parlare di centesimi. Io ho dato tutto, ma la Ferrari era più veloce di noi oggi. Domani la partenza è cruciale, partiamo con la stessa mescola e a livello di passo gara credo saremo vicini”. Kimi Raikkonen: “Non sono molto soddisfatto, ho fatto un piccolo errore al primo tentativo e nel secondo sono stato più cauto, sicuramente potevo fare di più ma oggi non ci sono riuscito. Domani cercheremo di fare la nostra gara, correremo come squadra. Il terzo posto è abbastanza buono come punto di partenza, vedremo domani”.

F1 GP Germania – I tempi delle qualifiche