Botta e risposta Mercedes-Ferrari nel venerdì di prove del gran premio di Gran Bretagna 2018. Se Lewis Hamilton è stato il più veloce in pista nella prima sessione di questa mattina con il tempo di 1’27”487, quattro decimi più rapido del compagno di scuderia Valtteri Bottas, Sebastian Vettel ha chiuso al comando la seconda sessione di prove terminata da poco, con il tempo di 1’27”552, più lento del tempo fatto segnare in mattinata da Hamilton ma quanto basta per dimostrare l’ottimo feeling della Rossa sul tracciato di Silverstone. Soprattutto per quanto riguarda il passo gara.

Hamilton ha comunque chiuso la giornata alle spalle di Vettel di quasi 2 decimi, precedendo Bottas, Kimi Raikkonen e Daniel Ricciardo, che inizia ad accusare un distacco pensante di oltre 8 decimi. Buone le prime sensazioni per la McLaren di Fernando Alonso (sesto) e la Renault di Nico Hulkenberg (settimo), così come per le due Force India e la Alfa Romeo Sauber di Leclerc a chiudere la top-ten.

Non pervenuto Max Verstappen: nel corso delle FP1 chiuse col sesto tempo a oltre 8 decimi dalla vetta, l’olandese è stato costretto a rientrare ai box per un problema meccanico, che gli ha impedito poi di prendere parte alle FP2. Stessa sorte per Romain Grosjean: a causa del fuori pista in curva 1 con violento contatto contro le barriere in FP1, non ha preso parte alla seconda sessione di prove.

F1 GP Gran Bretagna – I tempi delle FP1

F1 GP Gran Bretagna – I tempi delle FP2

Grosjean Silverstone 2018
L’impatto contro le barriere di Grosjean in FP1.
SHARE
Rino Cortese
Milanese d'adozione, siciliano di nascita, è cresciuto a pane e Formula 1. E non intende smettere. Anche se la F1 cambia in continuazione e non ci saranno più piloti come Senna e Prost.