Scattato al via alla perfezione e sfruttando la pessima partenza di Ricciardo, Max Verstappen bissa il successo dello scorso anno dominando il GP del Messico 2018 per tutti e 71 giri, confermando l’incredibile potenziale di una Red Bull imprendibile sul circuito Hermanos Rodriguez. Solo la Ferrari è riuscita a “tenere” il passo, con Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen sul podio a tenere vivo il mondiale costruttori. L’altro, quello piloti, ha vissuto oggi l’ultimo atto: con il 4^ posto – nella gara più brutta della Mercedes di quest’anno – Lewis Hamilton si laurea campione del mondo per la quinta volta in carriera, eguagliando Juan Manuel Fangio. Un traguardo per il quale lo stesso Vettel, a fine gara, si è voluto complimentare con Lewis: un bell’abbraccio con il rivale, di quelli che fanno tanto bene allo sport.

Tornata alla soluzione senza “cerchi forati”, la Mercedes ha accusato un incredibile degrado delle gomme, tanto che Hamilton ha chiuso con ben 78 secondi di ritardo, quasi doppiato da Verstappen. Bottas, 5^, non è riuscito invece a sottrarsi al doppiaggio. Ottimo sesto posto per Nico Hulkenberg, che consolida il quarto posto della Renault nella classifica costruttori, seguito da Leclerc, Vandoorne, Ericsson e Gasly a chiudere la top 10.

Ennesimo ritiro per problemi tecnici, l’ottavo stagionale, per Daniel Ricciardo. In lotta con Vettel per il podio, l’australiano della Red Bull è stato costretto a parcheggiare la sua Red Bull sull’erba a dieci giri dalla fine della gara. Tra i ritirati anche l’idolo di casa Sergio Perez, Sainz e Fernando Alonso, un altro che come Ricciardo di sfiga ne sa qualcosa.

I commenti a caldo

Verstappen Messico 2018

Max Verstappen: “Fantastico vincere. La partenza è stata la chiave. Onestamente non ho dormito molto bene stanotte, ero molto determinato a vincere. Fantastico lavoro del team, la macchina ha funzionato molto bene. Peccato perdere Daniel, sarebbe stata una doppietta Red Bull. Mi sono un po’ preoccupato poi, quando capitano queste cose chiaramente non vuoi fare anche tu la stessa sorte”.

Sebastian Vettel: “Ovviamente non è stata una giornata semplice, ma quella di Lewis è una vittoria meritata. Ha fatto un lavoro superbo tutto l’anno, dobbiamo accettare il verdetto della pista. Mi sarebbe piaciuto lottare ancora un po’, ma congratulazioni a Lewis”. Kimi Raikkonen:“Le gomme sono durate abbastanza bene, ma non potevo spingere di più. Il terzo posto alla fine è la migliore posizione che potevo ottenere. Abbiamo fatto buoni risultati nelle ultime gare, ovviamente vorremmo di più ma non posso lamentarmi. Ci sono ancora due gare, però, e cercheremo di fare meglio”.

Lewis Hamilton: “Cinque volte campione del mondo? È sensazione molto strana. Grazie a tutti i tifosi e grazie al mio team. Non ho vinto il mondiale qui, ma grazie al loro duro lavoro in tante gare. Grazie a chi ha lavorato in fabbrica, ai nostri partner, a Petronas e ovviamente alla Mercedes. Sono qui dal 2013 ed eguagliare Fangio con la Mercedes è incredibile, surreale. Oggi gara orribile, sono partito benissimo e stavo recuperando posizioni, ma poi non so cosa sia successo. Ho faticato tantissimo, cercato di tenere duro e portare la macchina alla fine”.

Hamilton campione del mondo 2018