Gli ordini di scuderia non si discutono. E così oggi Valtteri Bottas ha letteralmente consegnato la vittoria del GP di Russia a Lewis Hamilton, lasciandosi superare dal compagno di scuderia in modo fin troppo plateale. Partito dalla pole, verso metà gara Bottas si trovava in seconda posizione, alle spalle di un super Verstappen partito dal fondo della griglia (ma in attesa di effettuare la sosta), e dietro esplicita indicazione da parte del box Mercedes si è fatto da parte lasciando strada ad Hamilton, che porta così a casa la sua 70esima vittoria in carriera. Una mossa che ha ricordato tanto l’episodio Ferrari al GP di Austria del 2002, quando Barrichello si fece platealmente passare da Schumacher.

A fine corsa, un Bottas visibilmente incredulo e scontento ha preferito non sbilanciarsi sulla questione, con Toto Wolff che via radio ha invitato il finlandese a discutere dell’argomento a bocce ferme. In ogni caso, la vittoria di una Mercedes oggi a Sochi non è mai stata in discussione. Sebastian Vettel (3^) è stato sì costantemente all’attacco, riuscendo anche a passare Hamilton grazie a un “undercut”, ma non riuscendo mai a tenere il passo delle Frecce d’Argento e perdendo la posizione guadagnata quasi immediatamente, rimanendo poi accodato sempre sui 2 secondi di distacco.

Quarta posizione per l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen, seguito da un super Max Verstappen che nel giorno del suo 21esimo compleanno si regala una gara da applausi sfruttando in modo intelligente le gomme soft nel primo, eterno stint di gara, Daniel Ricciardo e Charles Leclerc, autore di una buona prestazione e nuovamente a punti dopo la gara di Singapore. Completano le prime dieci posizioni Kevin Magnussen e le due Force India di Esteban Ocon e Sergio Perez. Qui l’ordine di arrivo completo.

I commenti a caldo

Hamilton Sochi 2018

I due piloti Mercedes non nascondono le difficoltà a parlare di quanto accaduto in gara, con quel plateale “sorpassami pure” di Bottas davvero brutto da vedere e decisamente antisportivo.

Lewis Hamilton: “Una giornata difficile sicuramente. Abbiamo fatto un lavoro fantastico in tutto il weekend e ovviamente è stato Bottas a farmi passare. Va considerato all’interno del lavoro del team. Posso capire quanto sia difficile gestire dinamiche del genere, comunque è stata una giornata fantastica. Questa è una vittoria. Come team cerchiamo di fare il meglio per il campionato e oggi abbiamo fatto un sacco di sforzi. È stato difficile per tutti. So magari che non è stata una gara spettacolare. L’attacco di Seb alla partenza? Sì, ha provato a entrare stretto e dopo ci ha riprovato, ma ho tenuto il passo per restare davanti, si trattava di chi staccava prima. Fiero dei risultati ottenuti dal team con questa macchina”.

Valtteri Bottas: “Una giornata difficile, ma buon risultato per noi come team. Abbiamo ottenuto il massimo dei punti. Sicuramente, lo ripeto anche io, è stata una gara difficile. Lottiamo come team per il titolo mondiale e per quello costruttori. Siamo sulla buona strada, ma è sempre difficile prevedere cosa accadrà e come andrà la gara”.

Sebastian Vettel: “Ci ho provato al via, ma è stato difficile, non avevo spazio e nemmeno tanto motore. Ho provato a superare Lewis ma allo stesso tempo vedevo che lui staccava sempre più avanti, poi l’ho perso un po’ di vista. Oggi comunque siamo rimasti più o meno sullo stesso ritmo. Sono contento delle gomme, non del ritmo gara però. Cercherò di lavorare assieme al team per migliorare questo aspetto. Il sorpasso di Lewis? Un mio errore, mi ero portato avanti perdendo qualcosina e lui mi ha superato all’interno. Sì è anche chiuso un po’ lo sterzo, sono rimasto molto vicino ma con gomme nuove non ancora calde. Tutto sommato buona gara, un terzo posto fa comodo”.