Come in Germania arriva la pioggia e le carte si rimescolano. E dallo strapotere Ferrari visto durante le prove libere (Vettel il più veloce anche nelle FP3 di questa mattina) si passa a una doppietta Mercedes in qualifica, con Lewis Hamilton il più abile a sfruttare le condizioni di pista bagnata e conquistare la pole position nel Gran Premio d’Ungheria seguito dal compagno di box Valtteri Bottas, staccato di due decimi. Per Lewis si tratta della 76esima pole in carriera, la sesta all’Hungaroring; per la Mercedes, la 54esima prima fila conquistata in blocco.

La migliore delle Ferrari è stata quella di Kimi Raikkonen, terzo davanti a Sebastian Vettel ed entrambi staccati dalla vetta di mezzo secondo. Un ottimo Carlos Sainz porta la Renault in quinta posizione – mentre il compagno di scuderia Hulkenberg si ferma in 13esima – seguito da un altrettanto ottimo Pierre Gasly sesto con la Toro Rosso davanti alla Red Bull di Max Verstappen, uno di quelli che con la pioggia ti aspettavi avrebbe potuto fare meglio.

Ottavo Brandon Hartely con l’altra Toro Rosso, seguito dal duo Haas Magnussen-Grosjean a chiudere la top ten. Si ferma in Q2, in 12esima posizione, la qualifica di Daniel Ricciardo, ancora una volta sottotono e forse anche penalizzato da alcune scelte strategiche della Red Bull, che gara dopo gara lascia intuire sempre più come sia l’olandese Max il prediletto da coccolare e spingere.

I commenti a caldo

Raikkonen Ungheria 2018

Lewis Hamilton: “Grandioso per il team la doppietta. Non ce l’aspettavamo, le Ferrari sono state veloci per tutto il weekend. I cieli si sono aperti e ci è andata bene. È stato davvero complicato e insidioso. All’inizio la pista era accettabile, poi sempre più bagnata, ed è difficile capire quanta aderenza c’è. Cerchi di trovare una linea meno bagnata, un po’ come un balletto sulle punte: devi cercare di non fare danni di curva in curva. È stata un po’ come una corsa sulle montagne russe, una volta ero giù e poi su. Cercheremo di tenere le Rosse dietro di noi domani”.

Valtteri Bottas: “Speravo di fare la pole, però Lewis è riuscito a prevalere. È stato avvantaggiato perché ha girato dopo di me, con pista un po’ più asciutta. Cruciale fare uno-due. Domani sarà una bella battaglia”. Kimi Raikkonen: “Non è ideale il terzo posto però la cosa più positiva è che la macchina era piacevole da guidare sul bagnato. Un po’ di sfortuna all’ultimo cambiamento di gomme, e il cambiamento di condizione meteo piuttosto netto ci ha penalizzato. Su asciutto pernso che avremmo fatto la pole. Vedremo domani”.

F1 GP Ungheria – I tempi delle qualifiche