Alla vigilia dei test di Barcellona è stata finalmente svelata la nuova Red Bull RB13, la monoposto con cui la scuderia austriaca affronterà la stagione 2017 di Formula 1 con i confermati Daniel Ricciardo e Max Verstappen.

L’attesa era molta per vedere la nuova creazione di Adrian Newey, che è stata mostrata tramite un video sui profili social del team. La RB13, come le altre monoposto, presenta anch’essa l’S-Duct con una pinna sopra il cofano motore; questo sistema, per un corretto funzionamento, prevede un buco sulla punta del muso a forma di “aspirapolvere”. La livrea si rifà molto ai colori dell’anno scorso, un blu opaco con lo sponsor Red Bull collocato sulle pance della monoposto.

Max Verstappen non ha voluto usare mezzi termini per definire l’obiettivo in vista della stagione 2017: vincere, anzi dominare il campionato.

Il pilota olandese, reduce da un 2016 da urlo, con la prima vittoria in carriera alla prima gara in Red Bull a Barcellona e una serie incredibile di ottime prestazioni, è molto ambizioso, confidando nel nuovo gioiellino nato dalla mente brillante di Adrian Newey.

“Il campionato sarà ricco di incognite per via del nuovo regolamento tecnico e rappresenta una sfida impegnativa per tutti i team – ha esordito Verstappen –. Ovviamente ora non si possono fare previsioni, perché non si hanno dati in mano per paragonare le varie monoposto, ma l’obiettivo mio e del team è sicuramente quello di puntare alla vittoria, sia nelle singole gare sia del titolo finale”.

“Quest’anno si inizia tutti da zero, però sono molto fiducioso nel lavoro dei ragazzi, soprattutto alla luce di quello che hanno dimostrato negli ultimi anni – ha aggiunto Max -. L’augurio che posso farmi è di arrivare alla prima gara stagionale di Melbourne con le carte in regola per dominare la corsa. Penso che le nuove regole potranno modificare leggermente i valori in campo. Questo è sempre un bene per la Formula 1, ma spero che sia un bene soprattutto per noi. La speranza è che si possa avere un minor degrado degli pneumatici, che darebbe la possibilità di poter spingere quando si insegue un’altra vettura per un numero maggiore di giri, e naturalmente gare più combattute”.

Parlando della nuova monoposto, il 19enne olandese ha detto: “La vettura è certamente aggressiva dal punto vista aerodinamico e spero che ciò si converta al 100% in ottime performance in pista. Dobbiamo, però, attendere il responso del cronometro e soprattutto fare un primo confronto con la concorrenza, che anche quest’anno sarà agguerritissima”.

E su Ricciardo: “Daniel è un pilota davvero forte e competitivo, e ciò è un bene perché ti stimola a fare sempre meglio e a cercare la perfezione nel tuo stile di guida. Sono davvero contento e onorato di averlo al mio fianco anche in questa stagione. Sono sicuro che insieme faremo grandi cose per la Red Bull”.