Il ritiro di Nico Rosberg è stato il momento più sorprendente della scorsa stagione della Formula 1. Il pilota tedesco, forte del titolo conquistato ad Abu Dhabi, ha abbandonato la F1 cinque giorni dopo essere salito sul tetto del mondo, rinunciando al contratto biennale che lo legava alla Mercedes.

Il team tedesco ha sostituito Rosberg con Valtteri Bottas, prelevato in fretta e furia dalla Williams con la promessa di un forte sconto sul prezzo delle power unit Mercedes. Il cambio di pilota a Brackley è stato inaspettato, ma secondo Niki Lauda la Mercedes non sentirà la mancanza di Rosberg.

“Non credo proprio: ormai è andato – ha dichiarato il presidente non esecutivo della Mercedes a Sport Bild -. Abbiamo dovuto porre fine al rapporto di lavoro con lui e abbiamo accettato l’epilogo. Ora guardiamo al futuro e non ci lamentiamo dell’addio di Nico. Non era facile rimpiazzarlo, ma la combinazione di velocità ed esperienza ci ha spinto a scegliere Bottas. Ora lui ha la possibilità di guidare la miglior macchina al mondo: questo dà sempre un boost a un pilota e lo spinge a rendere di più. Credo che Bottas sia bravo almeno quanto Rosberg”.

Dopo aver dato rassicurazioni in merito all’ingaggio di Bottas, l’ex pilota della Ferrari spiega come il tedesco, senza l’aiuto di Mercedes, non sarebbe diventato campione del mondo: “Nico è migliorato tanto grazie alla squadra e alla macchina. Noi abbiamo vinto tre titoli costruttori e prima è stato Lewis a vincere due volte il campionato piloti. Nico aveva una macchina con un grande potenziale nelle sue mani, quindi il binomio pilota-macchina lo ha portato a vincere il mondiale. Da solo non sarebbe campione del mondo: è l’insieme tra Nico, macchina e squadra ad esserlo”.