Il mondiale 2017 è la grande occasione della Red Bull. In Formula 1 tornerà a contare tantissimo il carico aerodinamico, da sempre punto di forza della scuderia di Dietrich Mateschitz, e Newey è totalmente concentrato a realizzare una monoposto incollata a terra per permettere a Daniel Ricciardo e Max Verstappen di lottare per la conquista del titolo.

La Red Bull, però, è consapevole che senza una power unit competitiva non può andare lontano ed è sicura che la Renault stia lavorando bene e che ci siano tutti i presupposti per avere finalmente un motore simile a quello di Mercedes e Ferrari, sia in termini di potenza sia di affidabilità.

Non solo: Helmut Marko, talent scout della Red Bull, è convinto che il GP della Spagna sarà la gara in cui la squadra avrà una power unit dello stesso livello rispetto a quella della Ferrari.

“I segnali che stanno arrivando dallo sviluppo della power unit sono incoraggianti e il deficit di potenza sugli avversari si sta riducendo sempre più – ha confidato Marko a motorsport-magazin.com -. Con l’arrivo della Formula 1 in Europa dovremmo finalmente essere messi bene anche sul fronte motore. In Spagna dovremmo finalmente avere una power unit uguale a quella della Ferrari come performance, a meno che loro non riescano a fare un grande step di sviluppo. La Mercedes invece resta ancora avanti, ma il gap non è più così evidente da dire che non abbiamo alcuna chance contro di loro”.