Sebastian Vettel

La Ferrari di Sebastian Vettel davanti a tutti nella penultima giornata di test F1 sul Montmelò. Nessuno, nel pomeriggio, è riuscito a migliorare il giro-record fatto segnare dal tedesco in mattinata. A dimostrazione dell’enorme potenziale delle nuove monoposto, in particolare proprio la Ferrari, con il tempo di 1’19”024 Seb migliora di quasi tre decimi il precedente record fatto segnare giusto ieri da Bottas.

Il tedesco della Ferrari è stato il più veloce e anche il più stakanovinista della giornata, terminando la sessione con 156 giri a referto. Non solo: ha effettuato una vera simulazione di un gran premio, con tanto di run da 20 tornate (gommato super soft).

Secondo miglior tempo di giornata per la Mercedes di Lewis Hamilton, seguito dalla Force India di Esteban Ocon (il più operativo dopo Vettel con 137 giri totali); quarto Daniil Kvyat (Toro Rosso), fermatosi a 94 giri causa problema meccanico.

Oltre i cento giri accumulati anche la Haas di Kevin Magnussen (119 giri e quinto tempo) e la Red Bull di Daniel Ricciardo (128, sesto). Completano la top ten Vandoorne (McLaren), Bottas (Mercedes) con 95 giri e diversi long run senza però alcuna simulazione gara, Wehrlein (Sauber) e Palmer (Renault).

Lewis Hamilton

Che la Ferrari sia già arrivata a livello Mercedes, non è solo un’impressione degli addetti ai lavori. Lewis Hamilton ne è già convinto, talmente convinto da pensare che la Rossa abbia già superato le Frecce d’Argento. Ecco come ha commentato i tempi di oggi:

“Penso veramente che la Ferrari stia bluffando. È molto più veloce di quello che dà a vedere. È ancora presto per dire chi sia più veloce fra noi, ma quel che è certo è che sono vicinissimi, se non più rapidi di noi”.

1489079705141