L’avvio della produzione in serie della Mercedes EQC si avvicina, nel frattempo proseguono i test su strada. Dopo aver superato le prove invernali, gli ultimi si sono svolti in Spagna, dove la EQC si è trovata ad affrontare un’intensa serie di test a temperature fino a 50°C sotto il sole della penisola iberica, incentrati in particolare sui parametri maggiormente sollecitati nei veicoli elettrici: climatizzazione e ricarica, sistema di raffreddamento della batteria, sistema di trazione e centraline in presenza di temperature estremamente elevate.

La batteria di un’auto elettrica, in caso di temperature rigide eroga “semplicemente” meno potenza, mentre il calore intenso può comportare dei danni. La gestione ottimale di queste caratteristiche è stato uno degli obiettivi dei test condotti in Spagna. Particolare attenzione in questo senso è stata prestata, ad esempio, al circuito di raffreddamento della batteria: come fa a resistere a richieste elevate di potenza? Qual è la reazione di una batteria quasi completamente carica se viene ulteriormente sottoposta a ricarica? In che modo il calore elevato influenza l’autonomia?

Il programma di test Mercedes ha compreso anche prove a batteria scarica, attraverso dei test drive in cui veniva completamente scaricata. Anche la dinamica di marcia e il comfort di guida sono state sottoposte a ulteriori e severi test. “Dopo aver completato con successo i test di resistenza invernali a -35°C – ha commentato Michael Kelz, chief engineer della EQC – siamo fiduciosi che anche le prove in presenza di caldo torrido confermeranno che siamo perfettamente in linea con il programma previsto per l’avvio della produzione in serie”.