“Sono otto le collezioni: automobili, macchine fotografiche, biciclette, motociclette e tanto altro. Ma questo Museo è molto più: è un uomo che ha voluto condividere la sua passione per l’ingegneria con la collettività. Congratulazioni al Museo Nicolas”. È questa la motivazione con cui la prestigiosa giuria internazionale degli “Historic Motoring Award 2018” ha assegnato l’ambitissimo premio “Museum of the Year” al Museo Nicolis di Verona. Per il mondo dell’auto, è un po’ come l’Oscar per il cinema. Un riconoscimento straordinario che colloca a pieno titolo il Museo Nicolis nel gotha internazionale delle istituzioni culturali del settore.

Sono onorata di ricevere questo riconoscimento – ha commentato Silvia Nicolis, presidente del Museo –. Un grande orgoglio rappresentare da questa platea il mondo dell’automobile. Sono felicissima e dedico questo premio alla mia famiglia, ma in particolar modo a mio padre Luciano, che ha contribuito in misura determinante alla salvaguardia e alla diffusione del motorismo storico internazionale. È stata una competizione fra grandi che fa onore a noi e al nostro Paese. Mi auguro che questa iniezione di entusiasmo e di fiducia dia non solo una spinta propulsiva alle attività del museo, ma contribuisca alla visibilità e al prestigio di tutto il territorio”.

Museo Nicolis Historic Motoring Award 2018

Il Museo Nicolis è un vero e proprio scrigno di duecento rari capolavori di meccanica e stile, frutto dell’estro di geniali progettisti, che contengono i riferimenti fondamentali della storia dell’automobilismo. Sono rappresentati molti marchi prestigiosi come Alfa Romeo, Ferrari, Lancia, Maserati, Bugatti, Avions Voisin, Darracq e Isotta Fraschini, solo per citarne alcuni. Pezzi unici che rappresentano l’evoluzione dell’automobile: preziosi elementi selezionati con un preciso criterio e che insieme, idealmente, formano un’enciclopedia tangibile con un linguaggio universale. Questo lo rende un luogo emozionante, moderno, globalizzato e di cultura diffusa.

Collezioni ricercate, conservate e scelte con lungimiranza dal fondatore Luciano Nicolis per testimoniare l’ingegno dell’uomo e la sua arte: l’automobile, con innumerevoli identità di marca, in un progresso tramandato e messo a disposizione della collettività. Il Museo Nicolis, però, non è solo sinonimo di auto d’epoca. Sono infatti otto le collezioni che, oltre a 200 automobili, comprendono 100 motociclette e 110 biciclette, rari velivoli e 600 preziose macchine fotografiche e da scrivere, 100 strumenti musicali, rari strumenti di guida e altre opere dell’ingegno umano.