Tra carrozzerie, centri di revisione, elettrauti, gommisti, meccanici, autolavaggi, concessionari e stazioni di servizio, nel 2016 la rete di assistenza auto ha toccato in Italia quota 117.540 aziende. Rispetto al 2014, quando la rete di assistenza era costituita da 116.948 aziende, c’è stata una crescita dello 0,5%.

I dati provengono dal volume “L’autoriparazione e i suoi protagonisti”, edito da Autopromotec, e guardando nel dettaglio dei singoli settori si nota come l’incremento maggiore negli ultimi tre anni si è avuto tra le imprese di autolavaggio (+13,3%), i centri di revisione (+8,3%) e i gommisti (+3,1%).

In crescita è anche meccanici e motoristi (+0,6%), mentre rimane sostanzialmente stabile il numero delle officine dei concessionari (+0,2%), anche se il numero dei concessionari è in calo. Tre settori, invece, hanno il segno meno: stazioni di servizio (-4,6%), elettrauto (-3,4%) e carrozzieri (-0,4%).

Analizzando la struttura della rete di assistenza agli autoveicoli a livello territoriale, nel 2016 si è avuto l’incremento più alto soprattutto nelle aree del Centro e del Nord Italia, rispettivamente con l’1% e lo 0,6% di crescita, mentre resta stabile la composizione della aziende di assistenza al Sud, con una lieve crescita solo nelle isole (+0,5%). Tra le regioni italiane con il tasso di crescita più elevato ci sono il Lazio (+2,3%) e Lombardia e Sardegna con l’1,5%.