Torna anche quest’anno l’Infiniti Engineering Academy, il programma che offre a uno studente d’ingegneria un’opportunità di collocamento di 12 mesi in Formula Uno grazie alla partnership tecnica e alla forte collaborazione tra Infiniti e il team Renault.

Per iscriversi, gli studenti d’ingegneria dovranno andare sul sito dell’Academy, dove dovranno completare un test d’ingegneria online sotto forma di “puzzle”, progettato da esperti e brainteaser, come parte di un processo in più fasi. I migliori canditati saranno inviati a un evento finale che si svolgerà durante l’estate, in cui i 10 finalisti si sfideranno per conquistare il loro posto.

“Con la Formula Uno che è sempre più rilevante per l’industria automobilistica – ha dichiarato Tommaso Volpe, Infiniti Global Motorsport director – e grazie alla crescente collaborazione e al trasferimento reale di tecnologia apportata dall’Alleanza Renault-Nissan e dalla nostra partnership tecnica con il team, l’Infiniti Engineering Academy offrirà un ricco ventaglio di esperienze e opportunità ai vincitori dell’edizione 2017”.

Lo studente selezionato in Europa si unirà ad altri sei giovani ingegneri, uno per ogni regione partecipante (Asia e Oceania, Canada, Cina, Messico, Medio Oriente e Stati Uniti). I sette vincitori andranno quindi nel Regno Unito per lavorare nel Centro tecnico della squadra corse Renault Formula Uno, a Enstone, e nel Centro europeo di engineering di Infiniti, a Cranfield, per un’opportunità di carriera unica nella vita che darà loro la possibilità di lavorare al fianco di ingegneri leader a livello mondiale nell’industria dell’auto e del motorsport. Oltre a uno stipendio, sono previste la copertura delle spese di viaggio, l’alloggio e un’auto aziendale Infiniti.

Gli ex vincitori dell’Academy, William Priest e Daniel Sanham, lavorano tutt’oggi con Infiniti e il team Renault di Formula Uno. “Posso confermare che questa esperienza è assolutamente incredibile e mi sembra ancora di volare a mezz’aria – ha detto Riccardo Manfredini, vincitore europeo 2016 che sta completando il suo stage di sei mesi al Centro tecnico Infiniti e inizierà presto la seconda parte della sua collocazione con il team Renault a Enstone -. Sto partecipando a progetti e acquisendo esperienze che non avrei mai creduto possibile conquistare in soli sei mesi. Trovarmi dietro le quinte e contribuire a questi progetti entusiasmanti è un sogno che si avvera”.