Dopo le prime informazioni e le foto spia ecco svelata la Insignia Grand Sport, la nuova generazione dell’ammiraglia Opel che farà il debutto ufficiale al Salone di Ginevra 2017 ed è basata su un’architettura completamente nuova. Il passo è stato allungato di 92 mm e i progettisti hanno creato una vettura con l’aspetto da vera ammiraglia: più lunga e più bassa, profilo slanciato di una coupé e presenza su strada.

Da ammiraglia, la Insignia Grand Sport è dotata di una serie di tecnologie di vertice. Sviluppando ulteriormente i fari anteriori attivi IntelliLux LED a matrice di Astra, gli ingegneri Opel hanno già creato per Insignia la seconda generazione di fari IntelliLux LED, ancora più veloci, precisi e potenti.

Il sistema di mantenimento della corsia di marcia con correzione automatica dello sterzo, il nuovo head-up display e la telecamera a 360° abbinati a equipaggiamenti come i sedili premium con certificazione AGR, i sedili anteriori e posteriori riscaldati e il parabrezza riscaldato pensano al il comfort a bordo, dove non mancano sistemi di infotainment e connettività di ultima generazione IntelliLink e Opel OnStar.

Sul fronte sicurezza, va menzionata – ed è la prima volta per una Opel –, l’adozione del cofano attivo in alluminio, che in caso di urto con un pedone si solleva in pochi millisecondi per aumentare la distanza dalle parti più dure del motore.

cq5dam.web.1280.1280-14

SUL MERCATO DAL 2017

Al lancio, previsto per il prossimo anno, la Insignia Grand Sport sarà disponibile con un’ampia gamma di trasmissioni e motori turbo di ultima generazione, da conoscere ancora bene nel dettaglio. Il cambio automatico a 8 rapporti è una novità assoluta e inizialmente sarà disponibile solo con la trazione integrale con torque vectoring.

Altro miglioramento di sostanza lo ha subito il telaio FlexRide, che adatta ammortizzatori, sterzo, risposta dell’acceleratore e punti di cambiata (sui cambi automatici) in modo indipendente o in base alle modalità di guida (Standard, Sport o Tour) che possono essere selezionate dal guidatore. In funzione della modalità, lo sterzo e la risposta dell’acceleratore diventano più diretti e il sistema ESP interviene anticipatamente o con un maggior ritardo. Cuore del telaio attivo è il nuovo software “Drive Mode Control”, che analizza senza soluzione di continuità le informazioni fornite dai sensori e dalle impostazioni, riconoscendo lo stile di guida individuale.