La postazione di lavoro ispirata al Nissan Qashqai

Le tecnologie di Qashqai pensate per la sicurezza e il comfort potrebbero ottimizzare l'efficienza degli impiegati se applicate ad una postazione di lavoro. Un progetto sviluppato dagli stessi ingegneri Nissan dimostra come cambierebbe la vita in ufficio.

Postazione di Lavoro Nissa Qashqai

Soffrite di momenti di calo di produttività e sonnolenza post pranzo davanti al vostro computer? Ammettiamolo, chiunque lavori in ufficio spesso si trova a dover fronteggiare queste insidie e fare abbondante ricorso della macchinetta del caffè. Un’abitudine che alla fine può risultare controproducente per la nostra salute.

Non bisogna disperare però, perché una possibile soluzione potrebbe consistere nell’adottare una postazione di lavoro ispirata alle tecnologie di Nissan Qashqai e all’innovativo approccio degli ingegneri Nissan che lo hanno creato.

Non parliamo di fantascienza ma di un vero prototipo di un’eventuale postazione di lavoro, in stile crossover, nata dall’osservazione di un ingegnere del centro di sviluppo di Cranfield, in Inghilterra, che ha ben pensato di utilizzare le tecnologie automobilistiche per favorire la produttività sul lavoro.

“Ammetto che la scrivania Qashqai possa sembrare un’idea un po’ bizzarra, ma dimostra efficacemente il potenziale trasversale delle nostre tecnologie che possono essere sfruttate per semplificare la vita di tutti i giorni”, David Moss, vice presidente NTCE.

Al momento, è bene sottolinearlo, non è previsto un avvio della produzione per la postazione di lavoro Qashqai ma possiamo scoprire come dovrebbe funzionare.

COME FUNZIONANO LE TECNOLOGIE NELLA POSTAZIONE DI LAVORO NISSAN
Si applicano i principi dei sistemi Nissan: Around View Monitor, Movin Object Detection e Driver Attention Alert. Completa la postazione di lavoro la comoda seduta ergonomica di Qashqai sviluppata in collaborazione con la Nasa. Ecco come possono risultare utili queste tecnologie in un ambiente diverso dalla guida come quello di un ufficio.
Around View Monitor:  Cliccando sull’icona della retromarcia, il dipendente in ufficio può godere di una visuale a 360° della propria scrivania.
Movin Object Detection: Ogni volta che un collega si avvicina alla scrivania da qualsiasi direzione in un raggio di cinque metri viene emesso un segnale acustico.
Driver Attention Alert: Speciali sensori all’interno della tastiera e del mouse monitorano i livelli di produttività: se nell’arco di tempo programmato (che può essere impostato su qualsiasi valore, da 5 secondi a 50 minuti) non viene rilevata alcuna attività, scattano un segnale visivo e uno acustico.

Se un giorno tutto questo diventerà realtà non possiamo saperlo, ma siamo sicuri che molti datori di lavoro sarebbero felici di poter dotare i propri dipendenti di una postazione di lavoro come questa che, forse, neanche quel geniaccio di Orwell poteva immaginare nel suo best seller 1984. Quando la realtà supera la fantasia.