Long Test: Ford Fiesta Active 1.5 TDCi 85 cv manuale [VIDEO]

Più di 700 km per scoprire pregi e difetti della Fiesta Active, la prima versione “crossover” della compatta Ford. La nostra prova con il motore 1.5 TDCi da 85 cv e cambio manuale a 6 rapporti.

L’anima city della Fiesta, unita alla presenza su strada di un Suv. È la Fiesta Active, prima versione “crossover” della compatta Ford. Crossover sì, ma senza esagerazioni: resta pur sempre una Fiesta. E questo è solo un bene. Esteticamente si nota subito l’interpretazione più grintosa rispetto al design della Fiesta “tradizionale”, sottolineata da griglia trapezoidale nera, splitter inferiore a contrasto con finitura in alluminio, passante laterale bicolore e cerchi in lega da 17’’ con design esclusivo. Il badge Active impreziosisce i parafanghi anteriori e le soglie battitacco, mentre è possibile dare un tocco di carattere in più scegliendo tetto e calotte degli specchietti a contrasto in colore nero.

→ La Fiesta Active della nostra prova

Back

3. Com’è a bordo?

L’altezza di guida leggermente rialzata dà più padronanza della strada, il cambio manuale a 6 marce è ben posizionato e facilmente raggiungile, con innesti precisi. Si poteva trovare invece una posizione migliore per la presa Usb, troppo vicina alla leva del cambio. E quando si utilizza il cambio con una pen-drive collegata si finisce quasi sempre per urtarla. C’è comunque una seconda presa Usb all’interno del piccolo bracciolo centrale, dotato anche di vaschetta estraibile per organizzare meglio gli oggetti al suo interno.

A bordo, la Fiesta Active ha un ambiente ben curato, grazie a materiali morbidi al tatto e al rivestimento in pelle per volante, pomello del cambio e leva del freno a mano. I sedili e i tappetini sono stati sviluppati per resistere alla vita di tutti i giorni, con materiali sottoposti a 60.000 cicli di test per garantire la massima resistenza all’usura. Noi non li abbiamo sottoposti a particolari test, ma con uno sviluppo del genere siamo certi possano resistere bene all’usura quotidiana.

La plancia è dominata dallo schermo touch da 8 pollici del più recente sistema multimediale Sync 3, che più provo e più mi convinco sia il più veloce e reattivo oggi sul mercato. La funzione pinch & swipe è implementa dai comandi vocali, in grado di riconoscere un linguaggio più naturale grazie alla modalità avanzata che elimina molte delle richieste vocali per iniziare a parlare. Ad esempio, se si sta riproducendo musica dal dispositivo Usb e si vuole passare alla radio, basta premere un pulsante sul volante e pronunciare semplicemente la frase “Passa alla radio” (trovi un esempio nel video in primo piano).

Il Sync 3 è completato dalla connettività con Apple CarPlay e Android Auto, ma il vero plus per una compatta come la Fiesta Active è l’impianto audio B&O Play, con un particolare profilo di diffusione delle onde acustiche e 10 diffusori, tra cui un subwoofer installato nel bagagliaio e un diffusore per medie frequenze sul pannello strumenti. La potenza totale è di 675 watt. Di serie due porte Usb, optional – per i nostalgici – il lettore cd.

Back
REVIEW OVERVIEW
Design
7
Posto Guida
7
Plancia e Comandi
7,5
Infotainment
10
Comfort
7
Motore
8
Cambio
7
Freni
7
Stabilità
7,5
SHARE
Dario Cortimiglia
Giornalista professionista dal 2005, ottiene la laurea magistrale in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale allo IULM e nel 2009 vince un concorso SKY per cortometraggi. Conclusione? Scrive di auto, ma è ancora convinto diventerà un grande regista. Founder & admin di @igers_messina e @exploringsicily.it.