Dopo il calo del 6,6% ad aprile, il mercato dell’auto nell’Unione Europea recupera a maggio. Con 1.386.818 immatricolazioni, infatti, mette a segno una crescita del 7,6% e un consuntivo dei primi cinque mesi a +5,3%. Dai dati diffusi oggi dall’Acea emerge che le vendite sono in crescita in tutti i Paesi ad eccezione di Grecia (-20,9%), Cipro (-9,7%) e Irlanda (-7,9%).

Positivo è anche l’andamento nei cinque maggiori Paesi dell’Unione, che complessivamente assorbono il 74,4% delle vendite. In calo sono il Regno Unito, mentre in Germania le immatricolazioni sono cresciute del 12,9%, in Francia dell’8,9%, in Italia dell’8,2% (qui l’approfondimento) e in Spagna dell’11,2%. A maggio anche i tre piccoli mercati dell’Efta sono tutti in crescita, con incrementi del 13% in Islanda, 10,2% in Norvegia e 8,8% in Svizzera.

Le marche italiane hanno registrato 109.765 immatricolazioni (+11,9%), toccando una quota di mercato del 7,7% contro il 7,4% di un anno fa. Crescita a doppia per Fiat (+15,6%) e Alfa Romeo (+47,8%).