Il mercato dell’auto europeo comincia il 2017 con una crescita a doppia cifra. A gennaio sono state infatti immatricolate 1.170.220 autovetture, con un incremento del 10,2% rispetto a gennaio 2016. Un dato molto interessante, soprattutto perché la crescita interessa l’intera Unione ad eccezione di due piccoli mercati con cali limitati: Slovacchia -1,2% e Irlanda -1,8%.

Ottima la performance dei cinque maggiori mercati, che complessivamente valgono il 70,5% delle immatricolazioni: Regno Unito +2,9%, Spagna +10,7%, Francia +10,6%, Germania +10,5%, Italia +10,1%.

Gennaio 2107 è il 39° mese di crescita su 41, e così l’Europa dei 28+Efta ripete come l’anno scorso un gennaio sopra il milione di immatricolazioni.

“Un buon mix di interventi strutturali di stimolo al rinnovo del parco circolante da parte di alcuni Paesi insieme a fortissime azioni commerciali introdotte in altri – ha commentato Romano Valente, direttore generale Unrae – sta sostenendo la crescita europea, dimostrando, ove ce ne fosse ancora bisogno, che le azioni strutturali funzionano e che le famiglie hanno interesse alla sostituzione dell’auto”.

“L’Italia – conclude Valente – ha ancora molto potenziale anche nello sviluppo del canale delle auto aziendali, dove resiste un’asimmetria tra il trattamento fiscale italiano e quanto praticato negli altri Paesi, oltre che nella dimensione del parco anziano”.

SHARE
Melina Famà
Siciliana doc e amante di scarpe, borse e buon cibo. Laureata in Linguaggi dei Media all'Università Cattolica di Milano, si avvicina al mondo dei motori grazie al fidanzato, che la istruisce quasi come un maschiaccio. Gattara nell'animo, è admin di @igers_messina.