“Estate in ottovolante per il mercato italiano dell’auto”. Lo definisce così il Centro Studi Promotor nella sua nota a commento dei dati relativi al mese di settembre appena concluso. Dopo un primo semestre sui valori dello stesso periodo del 2017, il terzo trimestre 2018 è iniziato con una discreta crescita a luglio (+4,7%), un forte incremento ad agosto (+9,5%) e ora con un calo del 25,4% a settembre. Secondo il Centro Studi, non si è in presenza di una vera caduta del mercato. L’andamento dell’estate, infatti, è dovuto all’esigenza delle Case automobilistiche di smaltire entro agosto le giacenze di vetture non omologate Euro 6C o Euro 6D temp, anche in relazione all’introduzione dal 1° settembre della norma WLTP. “Questa esigenza ha spinto molte Case a forzare le vendite con sconti e promozioni – si legge nella nota – per smaltire tutte le auto che non avrebbero potuto essere immatricolate dal 1° settembre (salvo una piccola quota ‘in deroga’ fino ad agosto 2019)”. Di conseguenza, dopo il boom di vendite estivo ecco un’inevitabile contrazione.

“Il calo registrato nel mese fa seguito a un trimestre estivo dai volumi insolitamente alti determinato dall’introduzione delle nuove normative sulle emissioni e, quindi, dell’obbligo di immatricolare esclusivamente vetture dotate di un propulsore Euro 6C e 6D temp – commenta i dati Aurelio Nervo, presidente di Anfia –. La crescita delle immatricolazioni a luglio e agosto al di sopra della media ha portato a un effetto di compensazione nel mese successivo. Per interpretare correttamente questa discontinuità del mercato, è opportuno confrontare l’andamento del terzo trimestre 2018 con lo stesso periodo del 2017, da cui emerge una contrazione decisamente più contenuta e pari al -6,9%”.

Guardando alle fonti di alimentazione, a settembre sono cresciute solo le immatricolazioni di auto ibride ed elettriche, mentre sono in calo diesel (-38% nel mese e -9% nel cumulato) e benzina (-6% nel mese, +2% nel cumulato), GPL (-24%) e metano (-63%). Solo quattro, a settembre, i modelli italiani nella top ten delle auto più vendute, con Fiat Panda (9.722 unità) sempre in prima posizione, seguita al secondo da Lancia Ypsilon (3.365). Al quarto posto la Fiat 500 (2.800), al settimo Jeep Renegade (2.549).