Forse a causa di un parco auto decisamente anziano (leggi l’articolo), il mercato italiano dell’auto a marzo ha registrato un ottimo risultato: la vetture immatricolate sono state 226.163, con una crescita del 18,16%.

Dall’indagine sui concessionari effettuata dal Centro Studi Promotor, i principali elementi che stanno sostenendo la domanda sono soprattutto il lancio di nuovi modelli e le forti promozioni delle Case, mentre il principale fattore di freno è il quadro economico, che nonostante la ripresina in atto è ancora largamente insoddisfacente per molti italiani.

I numeri del mercato auto, però, sono positivi. “Con questi volumi di vendita – afferma Massimo Nordio, presidente dell’Unrae – si consolida la nostra previsione di un ulteriore recupero che il mercato potrà registrare a fine anno, anche se permane incertezza sul quadro politico, istituzionale ed economico”.

I brand nazionali, nel complesso, totalizzano a marzo 68.636 immatricolazioni (+21,6%) e portano la propria quota di mercato dal 29,5% di un anno fa al 30,3% di oggi. I marchi di FCA (escludendo Ferrari e Maserati) totalizzano 68.158 immatricolazioni (+21,3%). Andamento positivo per tutti i brand, tra cui si segnala nuovamente un’importante crescita a doppia cifra di Alfa Romeo (+46,1%). Ottima performance anche per Maserati (+116,1%) e Lamborghini (+42,9%).

A marzo, sono addirittura sette i modelli italiani nella top ten delle auto più vendute, con la Fiat Panda sempre in testa (17.335 unità), seguita da Fiat Tipo (8.340 unità) e Lancia Ypsilon (8.302). Stabile al quarto posto la Fiat 500 (6.248), all’ottavo la Fiat 500X (5.618), mentre in nona e decima posizione si collocano, rispettivamente, Fiat 500L (4.943) e Fiat Punto (4.794).