L’annuncio al GP d’Italia 2017, vinto da uno strepitoso Dovizioso. Triumph è stata confermata fornitore esclusivo dei motori per il campionato Moto2 a partire dalla stagione 2019. Un contratto triennale con la Dorna assicurerà la fornitura del motore a tre cilindri Triumph da 765 cc con messa a punto racing, sviluppato dal propulsore in dotazione alla nuova Street Triple 2017. Il nuovo tre cilindri è stato sviluppato prendendo come riferimento il motore installato sulla supersportiva Daytona 675, vincitrice dell’Isle of Man TT, della Daytona 200 e del British Supersports Championships per due anni consecutivi, nel 2014 e nel 2015.

“Questo è un momento significativo per Triumph – commenta Paul Stroud, chief commercial officier di Triumph – che aggiunge un nuovo entusiasmante capitolo della nostra storia di 110 anni nelle competizioni, basato sul nostro celebre motore a tre cilindri già vittorioso in competizioni come il TT e la classe Supersport. Non vediamo l’ora di iniziare un lungo ed emozionante rapporto con Dorna e i team della Moto2”.

Nella mappatura “road” il nuovo 765 cc è il più performante motore mai montato sul modello Street Triple, con una erogazione di potenza di 123 cv a 11.700 giri e una coppia di 77 Nm a 10.800 giri. Il setting appositamente sviluppato per la Moto2 prevede varie modifiche, tra cui kit alternatore racing con output ridotto per ridurre l’inerzia, primo rapporto del cambio più lungo e frizione antisaltellamento.

Julian Simon, campione del mondo 125 cc nel 2009 e tester in Moto2 coinvolto nei test di sviluppo del motore ad Aragon, parla così del motore: “È potente, in particolare ai medi regimi dov’è davvero impressionante. Il feeling tra l’acceleratore e la ruota posteriore è molto diretto e controllabile e anche le sensazioni in generale sono molto buone. Il motore mostra già un gran potenziale”.