Solo due millesimi. Marc Marquez conquista la pole position del Gran Premio d’Austria 2018 per soli due millesimi di vantaggio su Andrea Dovizioso. Con il tempo di 1’23”241 lo spagnolo della Honda è riuscito ad avere a meglio sulla Ducati in quella che doveva essere una pista per lei favorevole. E in effetti lo è stata, si parla di un distacco praticamente inesistente. E poi: terzo a chiudere la prima fila Jorge Lorenzo a un decimo scarso, quarto ad aprire la seconda Danilo Petrucci.

Quinto Cal Crutchlow, con un distacco di mezzo secondo, seguito da Zarco, Rabat, Iannone, Pedrosa e Rins a chiudere la top ten. Male le Yamaha ufficiali, con Maverick Viñales 11esimo e Valentino Rossi, costretto a disputare la Q1, che ha chiuso in 14esima posizione. Uno dei peggiori piazzamenti in assoluto per il Dottore in qualifica.

→ MotoGP Austria – I tempi delle qualifiche

I commenti a caldo

Marc Marquez: “L’ultima curva quasi andavo fuori pista, ho perso un po’ di tempo, ma penso che abbiamo fatto un bel giro tutti. Non erano condizioni top, ma si andava veloce. Le Ducati spingono. Prima fila la cosa più importante. Domani se c’è la possibilità di attacco, attacchiamo”.

Andrea Dovizioso: “Marquez? Bastardo! (scherzando per i 2 millesimi di distacco, ndr). Oggi le FP4 sono state un po’ strane, forse perché ha piovuto tanto, la pista era diversa rispetto a ieri e domani sarà diversa ancora. Non eravamo tanto apposto. Credo che domani se non pioverà sarà meglio. Durante la qualifica la pista è migliorata, la media poteva avere senso sulla carta, ma non abbiamo la comparazione con la morbida, poteva anche andare meglio”.

Jorge Lorenzo: “Questa pista corta ci ha un po’ sorpreso, quando mi sono fermato per mettere la terza gomma avevamo ancora 4 minuti, magari potevamo mettere la gomma nuova anche davanti. Però dai, un’altra prima fila, continuiamo un momento nelle ultime gare, sono contento”.