La sintesi delle FP2

In una seconda sessione di prove completamente bagnata e iniziata con una quindicina di minuti di ritardo il migliore è stato Marc Marquez, con l’interessante crono di 1’33”995. Alle sue spalle si è messo in mostra un redivivo Scott Redding, a suo agio in sella alla sua Aprilia in condizioni full-wet, che chiude a circa mezzo secondo dal leader di sessione. Dalla terza alla quinta posizione un tris di Ducati, capitanate da Danilo Petrucci che si tiene dietro gli ufficiali Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso, staccati dalla vetta di un secondo e mezzo.

Ottima sesta piazza per Bradley Smith, unica KTM presente al Red Bull Ring, che precede Alex Rins, Jack Miller e Cal Crutchlow. A chiudere la top ten la prima delle Yamaha, quella di Valentino Rossi, distante 2,3 secondi dalla vetta. La M1 è parsa davvero molto instabile, persino in pieno rettilineo. Non è da pazzi pensare che in casa Yamaha confidino in una seconda parte di weekend asciutta. Buon dodicesimo posto per Franco Morbidelli, il quale però verrà retrocesso di tre posizioni in griglia per guida irresponsabile durante le FP1. Deludono Maverick Viñales 20esimo, Alvaro Bautista 21esimo e Dani Pedrosa a chiudere il gruppo a quasi 6 secondi da Marquez.

→ MotoGP Austria – I tempi delle FP2

La sintesi delle FP1

Dovizioso Austria 2018

Nella prima sessione di prove su asciutto, la Ducati ha messo tre Desmosedici davanti a tutti, con Andrea Dovizioso che ha preceduto Jorge Lorenzo e Danilo Petrucci. Il forlivese, vincitore dell’ultimo round a Brno, ha fermato il cronometro sull’1’23”830, tenendosi dietro di poco più di due decimi il compagno di squadra e di quasi mezzo secondo il rider del team Alma Pramac Racing. Quarto tempo per Marc Marquez, attardato di quasi sei decimi e davanti alla Suzuki di Andrea Iannone e al compagno di box Dani Pedrosa.

Settimo tempo per la terza RC213V ufficiale, quella targata LCR di Cal Crutchlow, che ha chiuso le FP1 davanti alla Ducati Avintia di Tito Rabat e alla Yamaha Tech3 di Johann Zarco con Maverick Viñales a chiudere la Top 10. Solo undicesimo Valentino Rossi, escluso dai migliori dieci di appena 49 millesimi dopo essere incappato in un problema tecnico nei primissimi minuti della sessione.

MotoGP Austria – I tempi delle FP1