La casa austriaca che tanto vinto nelle serie cadette ha svelato la nuova RC16 con cui quest’anno debutterà ufficialmente nella massima categoria del Motomondiale. Dopo il debutto nel GP di Valencia 2016 con Mika Kallio, il team ha preso parte alle prime due sessioni di test invernali a Sepang e Phillip Island con la line-up ufficiale composta da Pol Espargaro e Bradley Smith e si prepara alla prima stagione in MotoGP.

“Siamo pronti a questa nuova avventura, anche se in questo momento il ‘toro’ è un ancora po’ selvaggio – ha detto Pol Espargaro –. Le sensazioni sono davvero positive e la KTM è davvero una novità per la MotoGP rispetto ad altre marche. Stiamo facendo passi da gigante e ogni volta che saltiamo sulla moto l’evoluzione della stessa è davvero palpabile. Voglio ringraziare KTM per la fiducia che ha riposto in me per il suo progetto”.

166969-pol-espargaro-ktm-rc16-2017

“La pressione è davvero tanta. Questo progetto è qualcosa di incredibile, è quello che hai sempre desiderato e per cui hai lavorato per tutta la carriera, ma quando finalmente si realizza senti davvero la pressione – ha dichiarato Bradley Smith –. Dobbiamo lavorare duramente in questa stagione se vogliamo chiudere il gap con i migliori, ma soprattutto dobbiamo lavorare di squadra. Non sono spaventato dall’idea, i test invernali finora svolti sono stati solo l’inizio e la scalata da compiere è ancora lunga”.

“Prima di tutto voglio dire che sono super felice ed eccitato per la nuova stagione – ha dichiarato il boss della KTM, Mike Leitner –. Tutta la società ha lavorato instancabilmente nel corso dell’ultimo anno per arrivare a questo punto. Dopo la gara di Valencia, abbiamo avuto alcuni problemi e i progettisti hanno lavorato molto duramente, ma credo che siamo andati nella giusta direzione. La cosa più importante è continuare a motivare i nostri piloti e fornire loro ciò che sentono necessario per lo sviluppo e la crescita della moto in pista: è il nostro obiettivo più importante”.

167019-pol-espargaro-ktm-rc16-2017

Assieme alla moto per la MotoGP, KTM ha presentato anche l’intero programma per quanto riguarda il Motomondiale, con le moto e i piloti delle classi Moto2 e Moto3. Nella categoria intermedia ha deciso di puntare su due piloti che conosce molto bene, promuovendo il campione del mondo della Moto3 Brad Binder e richiamando Miguel Oliveira, che aveva corso con la moto austriaca in Moto3 nel 2015 prima di saltare in Moto2 con il team Leopard.

Per quanto riguarda la Moto3, invece, in squadra rimane l’olandese Bo Bendsneyder, che nel 2016 ha mostrato una crescita importante nonostante fosse un debuttante nella categoria, riuscendo anche a ottenere due podi. La grande novità è Niccolò Antonelli, che alla sua sesta stagione nella categoria avrà finalmente a disposizione una moto ufficiale per puntare al titolo iridato.