Ci ha provato Petrucci, ci ha provato Pedrosa e ci ha provato anche Bautista. Tutti per un attimo in pole. Poi è arrivato il ciclone Maverick Viñales che si è abbattuto sul Mugello conquistando la terza pole position stagionale nelle qualifiche del Gran Premio d’Italia di MotoGP. Il pilota spagnolo ha fermato il cronometro sul tempo di 1’45”575, staccando di due decimi e mezzo il “malconcio” compagno di squadra Valentino Rossi, reduce anche da una caduta nel corso delle prove libere 4 e autore della migliore prestazione nelle libere 3. E meno male che era malconcio.

yfr_editorial_use_pictures_16.php

Il tempo mostruoso del catalano è messo in evidenza dai tempi dei tre italiani alle sue spalle: Rossi, Dovizioso e Pirro sono racchiusi in 64 ms.

La wild card Ducati ha preceduto la coppia della Honda HRC, con Dani Pedrosa davanti a Marc Marquez. Il #26 è l’ultimo dei piloti sotto il muro dell’1’46” (per un solo millesimo), ponendosi davanti al campione del mondo in carica penalizzato da due giri veloci effettuati a ridosso delle moto di Jorge Lorenzo prima e Zarco poi. Proprio il maiorchino #99 di Borgo Panigale partirà alle spalle del suo connazionale. Purtroppo per lui non è bastata la strategia dei tre giri cronometrati, dei quali solo uno effettuato in completa solitudine in pista.

danilo petrucci mugello

Terza fila tutta Ducati con Alvaro Bautista ottavo e Danilo Petrucci nono alle spalle della moto ufficiale di Lorenzo. Per l’italiano questa non può ritenersi una casella di partenza soddisfacente. Il motivo sta nella penalizzazione comminata dalla race direction per aver sfruttato eccessivamente lo spazio esterno alle linee in curva 5. Il pilota umbro si è visto così sottrarre un’eccezionale prima fila conquistata con il secondo posto tra le due Yamaha di Viñales e Rossi. Per lui però rimane la soddisfazione di aver passato il Q1, insieme a Zarco, il quale però dopo l’ottimo 1’47”058 ottenuto nella sessione inaugurale non è poi riuscito a replicarsi, firmando un giro di quasi tre decimi più lento che lo ha relegato in 11^ posizione.

Tra gli esclusi d’eccezione della prima manche sono da annoverare Cal Crutchlow (13^) e Andrea Iannone che aprirà la sesta fila dello schieramento partendo dalla 16^ posizione. Domani mattina alle ore 9:40 il warm-up, alle 14:00 la gara.

La griglia di partenza del GP Italia 2017