È Marc Marquez il vincitore del Gran Premio d’Olanda di MotoGP, una tra le più belle gare degli ultimi anni. Una gara di MotoGP che sembrava di Moto3, con un manipolo di 6-8 piloti a correre compatti dal primo all’ultimo metro, a darsele di santa ragione come se non ci fosse un domani e regalando una pioggia di sorpassi manco fossero schiaffi. Da stordimento. Una di quelle gare che ci ricorda che di piloti forti in MotoGP ce ne sono parecchi.

A spuntarla tra le sgomitate è il più matto e furibondo tra i matti e i furibondi oggi in pista, Marc Marquez, che a tre giri dalla fine stacca il biglietto per la vittoria andando a consolidare la propria posizione di leader della classifica piloti. Secondo uno strepitoso (ma lo sono stati tutti oggi fino all’ottava posizione) Alex Rins, per un podio tutto spagnolo completato da Maverick Viñales, terzo nonostante l’ennesima prima parte di gara anonima nelle retrovie.

Quarto Andrea Dovizioso, seguito da Valentino Rossi. Per entrambi ha pesato un contatto nelle fasi finali che gli ha precluso la possibilità di lottare per il podio. Sesto Cal Crutchlow, solo settimo Jorge Lorenzo, come sempre partito a razzo al via e leader della corsa fino a metà gara ma poi in drastico calo di prestazioni. Chiudono la top-ten Zarco, Bautista e Iannone.

I commenti a caldo

Valentino Rossi Assen 2018

Marc Marquez: “Nelle libere mi sentivo molto bene, ma prima della gara sapevo che sarebbe stato difficile avere subito un po’ di distacco, sapevo che molti erano veloci. Ho deciso di aspettare un po’, ma c’è stata una gara costante con tutti vicini. Penso che oggi tutti si sono toccati con tutti, sembrava una gara di Moto3. Alla fine negli ultimi giri ho dato tutto per creare un po’ di distacco e vincere”.

Alex Rins: “Incredibile, sono senza parole. È stata una gara estremamente difficile. Stamattina stavo anche male di stomaco, ma grazie ai dottori sono stato meglio. Gara davvero fantastica e difficile”. Maverick Viñales: “Non sono felicissimo, speravo di vincere. Non sono riuscito a guidare come volevo. È stato soprattutto difficile gestire la spalla destra della gomma. Comunque, sono felice del risultato finale”.

→ MotoGP Assen – L’ordine di arrivo

→ MotoGP – La Classifica Piloti