Il protagonista della prima giornata di test MotoGP in Qatar è Andrea Dovizioso. Il pilota della Ducati si è issato in cima alla classifica infrangendo il record della pista, col tempo di 1’54”818, che fino a questo momento apparteneva al nuovo compagno di squadra Jorge Lorenzo. Appena tre decimi indietro troviamo la Yamaha M1 di Maverick Viñales, seguito dalla Honda LCR di Cal Crutchlow.

Il numero 25 spagnolo ha affrontato la prima parte dei test con gomme usate, ma il suo miglior tempo è arrivato con pneumatici nuovi e con un telaio più rigido rispetto a quello usato dal compagno di squadra Valentino Rossi, che ha chiuso la giornata con il settimo tempo a otto decimi da Dovizioso. Il campionissimo di Tavullia sembra non aver ancora trovato la perfetta messa a punto della sua Yamaha M1, pagando parecchio anche dal nuovo compagno di squadra.

Nella giornata d’apertura, i piloti Honda hanno avuto la possibilità di provare i propulsori con la configurazione 2017. Dani Pedrosa ha terminato la giornata con un distacco di quasi un secondo dal leader della classifica, mentre Marc Marquez è stato protagonista di una scivolata in curva 16, dopo essere stato per gran parte della giornata in testa alla classifica.

Il campione del mondo in carica non è stato l’unico a cadere nella prima giornata di prove a Losail: sono finiti a terra anche Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing) e Andrea Iannone (Suzuki Ecstar), senza riportare alcuna conseguenza fisica. Proprio il pilota di Vasto ha causato una bandiera rossa con la sua scivolata in curva 2 che ha interrotto temporaneamente la sessione.

7-OK_TIN4730

Jorge Lorenzo ha mantenuto la parola. Al termine dei test a Phillip Island, il maiorchino aveva detto che in Qatar sarebbe stato più competitivo su una pista da considerarsi decisamente alleata della Ducati, anche se la quinta piazza con 1’55”617 a poco meno di otto decimi dal compagno è un incoraggiamento a migliorare ancora nei prossimi due giorni di prove. Ducati continua a lavorare sulla GP17 ma in Qatar, almeno in questa prima giornata, non ha provato nuovi aggiornamenti aerodinamici.

Il ritorno di Karel Abraham (Pull & Bear Aspar Team) in MotoGP è stato molto positivo, riuscendo a piazzarsi davanti alla Ducati ufficiale di Lorenzo. Il pilota ceco è il quarto più veloce della giornata, col crono di 1’55”613.

Jonas Folger (Monster Yamaha Tech3) è ancora una volta il rookie più veloce, così come lo era stato a Phillip Island: il tedesco si piazza alle spalle di Lorenzo e precede la Yamaha ufficiale di Rossi. Il suo compagno di squadra, Johann Zarco, altro esordiente in classe regina, ha terminato la prima giornata di test col nono tempo. Andrea Iannone chiude la top 10 e, dopo 41 giri, il suo miglior tempo è di 1’55”51, piazzandosi davanti al connazionale Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing). Tredicesimo tempo per Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini), seguito da Jack Miller (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) e Scott Redding (Octo Pramac Racing).

I TEMPI DELLA PRIMA GIORNATA DI TEST IN QATAR.