Prova su strada Nuova Peugeot 208, miglioramento vincente

Arriverà sul mercato a partire da metà giugno, a 3 e 5 porte, con prezzi che vanno da 12.300 a 22.800 euro, in attesa della versione GTi by Peugeot Sport che sposterà il top di gamma a 26.200 euro. Assieme a nuovi motori, debuttano le bellissime tinte matt e l’Active City Brake.

EO0T0700

Graz – C’era una volta non molto tempo fa la 206, auto in grado di conquistarsi un posto di assoluto rilievo nel segmento B per molti anni in tutta Europa. Oggi c’è la 208 a fare da “enfant terrible”. Sarà il numero pari, dato che la 207 non ha lasciato alcuna traccia di sé, sta di fatto che la 208 è diventata un modello importantissimo per Peugeot nel giro di soli 3 anni. Dal lancio ad aprile 2012, infatti, sono state vendute un totale di 1.000.000 di unità, rendendo la 208 il modello più venduto della gamma del Leone.

Siamo stati a Graz, in Austria, per un primo contatto con la Nuova 208 che arriverà sul mercato a partire da metà giugno, a 3 e 5 porte, con prezzi che vanno da 12.300 a 22.800 euro, in attesa della versione GTi by Peugeot Sport che sposterà il top di gamma a 26.200 euro.

A prima vista la Nuova 208 può sembrare identica, ma il lavoro di upgrade è sostanziale anche se poco visibile. Il look è adesso più deciso e vigoroso, e fa l’occhiolino a un pubblico sempre più giovane. Si notano soprattutto il nuovo paraurti dalle linee più nette, la calandra ridisegnata con inserti cromati che creano un particolare effetto “tridimensionale”, i fendinebbia in posizione più esterna, i nuovi proiettori bicolore con luci diurne a LED e i gruppi ottici posteriori anch’essi a LED e a forma di artigli d’un colore “caldo rosso” immediatamente riconoscibili.

peugeot 208

LA CHICCA DELLE TINTE MATT
Ma è in superficie che la Nuova 208 sfoggia il meglio di sé. Stiamo parlando delle tinte matt dalla texture materica, definizione altisonante e complicata che in parole povere vuole dire che la vernice è granulosa al tatto e cambia (leggermente) colore a seconda della luce. E non si tratta di una semplice chicca, declinata sulla Nuova 208 in due versioni (Ice Grey e Ice Silver), ma di un’anteprima su una vettura di serie di questo segmento che segna un punto di rottura con la tradizionale vernice e per di più a un prezzo abbordabilissimo: 180 euro in più rispetto a una vernice metallizzata. La Nuova 208 che abbiamo provato aveva la tinta Ice Grey e possiamo dirvi che la resa sulla vettura è bellissima: non abbiamo fatto altro che accarezzarla nel vero senso della parola.

All’interno la Nuova 208 ripropone l’i-Cockpit, un concetto di postazione di guida introdotto da Peugeot proprio con la versione precedente di 208 costituito da un volante ridotto, un quadro strumenti in posizione rialzata e un touchscreen multifunzione da 7” (di serie a partire dall’allestimento Active) che crea un abitacolo essenziale ed ergonomico.

NUOVE MOTORIZZAZIONI
Vasta la gamma di motori benzina e diesel di ultima generazione, tutti Euro 6, abbinabili oltre che al cambio manuale a 5 rapporti anche al nuovo cambio automatico a 6 marce EAT6 (Efficient Automatic Transmission 6) dotato di tecnologia Quickshift che permette di effettuare passaggi dei rapporti più rapidi e progettato per ridurre le emissioni di CO2.

Assieme ai tre cilindri aspirati da 998 centimetri cubici PureTech 68 cv e 1.2 PureTech 82 cv introdotti con la 208 prima serie, la Nuova 208 è disponibile anche con il PureTech Turbo 110 cv S&S dotato di iniezione diretta ad alta pressione e di un turbo di nuova generazione. Noi abbiamo avuto modo di provare il motore 1.2 da 110 cv con cambio automatico, e la sensazione è che per essere un benzina i consumi si attestano molto contenuti e all’occorrenza si può anche chiedere un po’ di brio alla Nuova 208 restando soddisfatti.

Quanto ai diesel, ad eccezione dell’entry level da 75 cv, le altre versioni BlueHDi sono tutte dotate del sistema Stop & Start (S&S) con motorino di avviamento potenziato. Il quattro cilindri BlueHDi da 1560 cm3 è disponibile in tre versioni: 120 cv, abbinato a un cambio meccanico a sei marce, 75 cv e 100 cv, associati a un cambio meccanico a 5 marce. La versione da 75 cv è quella che vanta bassissimi consumi ed emette solo 79 g di CO2/km a fronte di un consumo di carburante di soli 3,0 l/100 km.

EO0T3865

LE NOVITÀ 208 GT LINE E 208 GTI BY PEUGEOT SPORT
Sulla Nuova Peugeot 208 debuttano il livello di allestimento GT Line e la supersportiva GTi by Peugeot Sport che arriverà a settembre e rappresenterà il top della gamma 208.

Disponibile nelle versioni 3 e 5 porte abbinate alle motorizzazioni benzina 1.2 PureTech Turbo 110 cv e 1.6 BlueHDi 100 e 120 cv, l’allestimento GT Line si basa sull’allestimento Allure con alcune varianti estetiche sia all’esterno sia all’interno come, ad esempio, il profilo della calandra e le modanature dei fendinebbia cromati, i cerchi in lega da 17’’ Cesium diamantati, il terminale di scarico cromato, sedili e volante sportivi.

Degna erede della 205 GTi, i cui 30 anni sono stati festeggiati con l’edizione 208 GTi 30th, la 208 GTi by Peugeot Sport sarà il top di gamma che più sportivo non si può grazie al suo 1.6 THP 208 cv con cambio manuale a 6 marce e pack stilistico che presenta assetto ribassato, carreggiate allargate, grandi cerchi da 18’’, sedili sportivi, freni anteriori Brembo, differenziale a slittamento limitato Torsen, collegamenti al suolo e regolazioni delle sospensioni specifiche e pneumatici Michelin Pilot Super Sport.

208_1502STYP005N LD

DEBUTTA L’ACTIVE CITY BRAKE
Già il precedente modello di Peugeot 208 era dotato, rarità nel segmento, dell’optional del Park Assist, il sistema di aiuto attivo al parcheggio che permette di parcheggiare automaticamente. Ora la Nuova 208 propone due nuovi equipaggiamenti: l’Active City Brake e la retrocamera.

La tecnologia Active City Brake è un sistema attivo di frenata anticollisione urbano disponibile come optional a partire dal secondo livello di allestimento (Active) e permette di evitare un incidente o di limitarne la gravità in caso di mancato intervento del conducente fino a 30 km/h. Un sensore laser a corto raggio è posizionato nella parte alta del parabrezza e può rilevare gli ostacoli, azionando automaticamente una frenata a fondo per evitare la collisione, come abbiamo avuto modo di verificare durante un piccolo test.

La retrocamera, anch’essa optional in base alle versioni, utilizza il grande touchscreen a colori per facilitare le manovre di parcheggio, visualizzando il veicolo e la traiettoria con linee colorate. Ovviamente non mancano tutte le dotazioni di sicurezza che hanno assicurato alla 208 le cinque stelle EuroNCap, come ESP, ABS, AFU e REF.