PSA, investimento industriale di 557 milioni di euro in Marocco

Una produzione di veicoli adeguata alle esigenze della regione a partire dal 2019 con un aumento progressivo del ritmo di produzione per accompagnare lo sviluppo commerciale di Peugeot-Citroën sui mercati della regione Africa – Medio Oriente.

234007669_4

Carlos Tavares, presidente del direttorio di PSA Peugeot Citroën, e Moulay Hafid Elalamy, Ministro dell’Industria, del Commercio, degli Investimenti e dell’Economia digitale del Regno del Marocco, hanno firmato un accordo che prevede la costruzione di uno stabilimento nel Comune di Ameur Seflia, nella Regione di Kenitra, nel quale a partire dal 2019 si assembleranno motori e veicoli dei segmenti B e C per coprire le esigenze dei clienti marocchini.

Il nuovo sito industriale, che avrà inizialmente una capacità di 90.000 motori e veicoli, raggiungerà a regime una produzione di 200.000 unità. L’accordo siglato permette così a PSA di completare il dispositivo industriale esistente in Nigeria, quello in via di negoziazione in Iran e di preparare il terreno per realizzare l’obiettivo di vendere un milione di veicoli nella regione Africa – Medio Oriente entro il 2025, una regione che deve diventare il terzo pilastro della crescita redditizia di PSA.

L’Africa e il Medio Oriente sono mercati storici per il Gruppo, soprattutto per Peugeot che ha una notorietà di lunga data. Il Gruppo occupa posizioni forti in alcuni mercati (1° in Tunisia, 2° in Marocco) mentre Peugeot è il numero 2 in Algeria.

La strategia consiste nell’instaurare progressivamente una capacità produttiva di veicoli al centro della regione per servire i mercati della regione Africa – Medio Oriente, il cui potenziale è stimato in 8 milioni di veicoli entro il 2025.

“L’Africa e il Medio Oriente sono mercati storici per PSA e questa regione deve diventare una leva di internazionalizzazione redditizia del nostro piano Back in the Race. L’accordo firmato oggi con il Regno del Marocco ci permetterà di avere capacità produttive al centro della regione per realizzare la nostra ambizione di vendere su questi mercati un milione di veicoli nel 2025”, Carlos Tavares.