Skoda Octavia Model Year 2016, si rinnova la gamma e arriva la sportiva RS 230

Nuovi motori Euro 6, volante a tre razze e nuovi sistemi di infotainment con connettività SmartLink che permette di utilizzare alcune app del proprio smartphone direttamente dal display della vettura. Fa il suo ingresso in gamma la versione sportiva RS 230 presentata al Salone di Ginevra.

Skoda Octavia, si rinnova la gamma e arriva la versione sportiva RS 230

Con l’introduzione del Model Year 2016, Skoda apporta diverse migliorie alla propria best seller Octavia, sia nella versione berlina sia in quella wagon. Si comincia da un aggiornamento dei motori, adesso Euro 6, e in ottica consumi si dota di serie di sistema Start/Stop e funzione di recupero dell’energia in frenata.

Novità anche sul fronte infotainment, dove vengono rinnovati la radio Bolero e i sistemi di navigazione Amundsen e Columbus. I sistemi, infatti, si caratterizzano per uno schermo più grande (6,5’’ per Bolero e Amundsen, 8’’ per Columbus) con tecnologia “capacitive touch display”, che garantisce la risposta del dispositivo a un semplice e rapido tocco. In aggiunta, sono dotati di molteplici modalità di collegamento per sorgenti audio/video e memorie esterne, grazie alla presenza di ingresso Usb, presa Aux-in, slot per SD card e tecnologia bluetooth. Offrono inoltre la nuova funzione “Sms messaging”, ovvero la possibilità di leggere e scrivere i messaggi direttamente sul display del sistema. Il navigatore Columbus è dotato anche di Hard Disk, lettore dvd, video HD e modulo wi-fi per connessione wireless.

La nuova Skoda Octavia è offerta anche con tecnologia SmartLink, che include i sistemi MirrorLinkTM, Apple CarPlay e Android Auto, sistema che permette una compatibilità ad ampio spettro con un elevato numero di modelli di smartphone.

Importanti novità le troviamo anche per la versione Executive, specificatamente pensata per il mercato fleet, e per la versione Scout, dedicata agli amanti dell’off-road. La versione Executive è equipaggiata di serie con il nuovo sistema di navigazione Amundsen e si dota, per la versione berlina, della motorizzazione 1.6 TDI Executive GreenLine 110 cv in precedenza disponibile solo per Octavia Wagon. Nella versione Scout, è ora disponibile la funzione off-road a velocità inferiori ai 30 km/h che interviene automaticamente sull’impianto frenante e permette di mantenere una velocità di discesa costante e sicura, sia in avanti sia in retromarcia, su strade innevate o ad alta inclinazione.

A garantire le performance in fuoristrada leggero ci pensano poi il controllo di trazione ASR, che permette di partire in maniera agevolata soprattutto sulle superfici sconnesse come ghiaia e ciottoli, il bloccaggio del differenziale EDS, che permette di distribuire la forza motrice su tutte e quattro le ruote, e la trazione a controllo elettronico che agevola le partenze in salita e il trasporto di rimorchi.

Skoda Octavia, si rinnova la gamma e arriva la versione sportiva RS 230

SKODA OCTAVIA RS 230
La nuova Octavia si arricchisce anche della versione speciale RS 230, il modello sportivo presentato al Salone di Ginevra 2015 ora più aggressivo grazie a un potente propulsore. Equipaggiato con un motore benzina 2.0, il nome del modello deriva deriva dai 230 cv di potenza erogata. Il propulsore TSI è stato potenziato di 10 cv e, con cambio manuale a sei rapporti, promette di accelerare la RS 230 berlina da 0 a 100 km/h in 6,7 secondi, per una velocità massima di 250 km/h. Valori che rendono la Octavia RS 230 la più veloce di sempre.

Oltre al sistema XDS+ (differenziale elettronico a bloccaggio trasversale) di serie per tutta la gamma Octavia e all’assetto sportivo, la nuova RS 230 vanta il sistema VAQ (blocco elettronico del differenziale meccanico anteriore), novità assoluta per Skoda.

Si tratta di una tecnologia a regolazione elettronica che nasce in ambito sportivo e utilizza una frizione a lamelle sistemata tra l’albero laterale destro e la scatola del differenziale. Rispetto ai bloccaggi puramente meccanici, questa versione a regolazione elettronica è completamente integrata nel sistema di controllo elettronico della stabilità (ESC). In caso di necessità, l’intera coppia di trazione può essere trasferita a una sola delle ruote anteriori permettendo alla vettura di avere più grip e una migliore tenuta.