Subaru, ottimi risultati di vendita a marzo e nell’ultimo anno fiscale

Nell’ultimo anno la Casa delle Pleiadi ha ottenuto ottimi risultati di vendita grazie alle nuove generazioni di Legacy, Outback e WRX. L’aumento della produzione è merito anche dell’impianto statunitense del Sia ampliato nel 2014.

subaru forester 2015

Tempo di bilanci in Casa Subaru, che ha comunicato i dati di produzione e vendita del mese di marzo e, in particolare, i dati riguardanti la chiusura dell’anno fiscale.

Nel dettaglio, a marzo Subaru ha registrato un leggero calo delle vendite nel mercato interno ma anche una crescita nelle esportazioni soprattutto grazie a 3 importanti mercati esteri come il Nord America, l’Australia e la Cina.

A trainare la Casa delle Pleiadi in questi mercati non soltanto i modelli che potremmo definire storici come Forester (CLICCA QUI PER LEGGERE IL TEST DRIVE DELLA FORESTER MY15) e Impreza ma anche le nuove generazioni di Legacy, Outback e WRX, oltre alla nuova Levorg.

NEL 2015 UNA LEGGERA CRESCITA
I dati che riguardano l’ultimo anno fiscale hanno fatto registrare un piccolo record per Subaru, segnando un +26,4%, in virtù di un mercato che si sta rivelando “magico” come quello del Nord America, oltre all’ottima richiesta, da parte della clientela di tutto il mondo, dei nuovi modelli.

Il merito della nuova produzione Subaru, in aumento per il quinto anno consecutivo, risiede sicuramente nell’ampliamento della capacità produttiva dell’impianto statunitense del Sia (Subaru of Indiana Automotive) avvenuto nell’estate del 2014 proprio per soddisfare la forte domanda delle nuove Legacy e Outback, quest’ultima strategicamente presentata nella seconda parte dello scorso anno in alcuni mercati chiave come quello europeo e australiano, mercati che hanno contribuito, per il terzo anno consecutivo, ad un aumento delle esportazioni del +9,3%.