[VIDEO] Il circuito di Monza nella sabbia del Sahara: la nuova Bmw X5 sfida il deserto

Ogni curva, ogni rettilineo, ogni chicane è stata ricostruita fedelmente in scala 1:1. Oltre 3.500 metri cubi di terra sono stati spostati per dar vita alla pista offroad.

Per il lancio della nuova X5, Bmw Italia ha realizzato un’impresa epica: portare l’autodromo di Monza nella sabbia del Sahara, a Merzouga per la precisione, in una delle zone più desertiche del Marocco. Ogni curva, ogni rettilineo, ogni chicane è stata ricostruita fedelmente in scala 1:1, sia nei raggi di curvatura sia nelle distanze.

Per la realizzazione dell’impresa sono state necessarie due settimane e più di 50 persone tra ingegneri, geometri, tecnici, operai e piloti, oltre a 4 giorni di studio e di preparazione con topografi, ingegneri e architetti, con 8 postazioni per la progettazione e la simulazione topografica.

Un’opera monumentale che rappresenta anche il culmine del viaggio a tappe attraverso l’Europa della nuova Bmw X5, che sul circuito di “Monza, Sahara” ha dato prova delle sue capacità in fuoristrada, grazie anche al nuovo pacchetto xOffroad che debutta proprio sulla X5 di quarta generazione. Grazie a questo pacchetto, attraverso un pulsante specifico è possibile scegliere tra 4 modalità specifiche di guida offroad (xSand, xRocks, xGravel e xSnow) che modificano l’altezza del veicolo, le impostazioni del sistema xDrive, la risposta di accelerazione e controllo della trasmissione e gli input correttivi del sistema DSC.