Nato nel 2013 con la prima MT-09, il “Dark Side of Japan” anno dopo anno si è evoluto con una gamma sempre più completa, dalla “piccola” MT-125 all’ammiraglia MT-10. Proprio la punta di diamante della famiglia hyper naked diventa adesso ancora più speciale con la nuova versione MT-10 Tourer Edition.

Dotata di kit di accessori dedicati per esaltarne comfort, funzionalità e praticità, la MT-10 Tourer Edition sbarca nelle concessionarie Yamaha in questo mese di marzo. Nonostante tutte le parti speciali e gli accessori possano essere acquistati separatamente, il prezzo è molto interessante: 14.690 euro.

La MT-10 Tourer Edition si caratterizza per parabrezza alto con paramani, borse laterali morbide realizzate in materiale ABS e supporto per GPS pensato per accogliere diversi tipi di dispositivi, come il navigatore satellitare TomTom Rider disponibile come optional nella dotazione della Tourer Edition. Grazie alla sua vasta gamma di accessori, quindi, la MT-10 Tourer Edition è stata pensata per quei motociclisti che cercano una naked da 1.000 cc equipaggiata a dovere per affrontare i viaggi più lunghi.

Ovviamente la MT-10 Tourer Edition condivide con la MT-10 tutte le caratteristiche tecniche. Il motore è derivato da quello della YZF-R1, un’evoluzione diretta dell’ultimo quattro cilindri frontemarcia da 998 cc “CP4” Crossplane sottoposto a una serie di interventi per ottenere una coppia più consistente a bassi e medi regimi.

2017_YAM_MT10TE_EU_BNS4DSJ_STU_001_03

Tra le dotazioni ci sono il Traction Control System (TCS), che permette di mantenere la trazione su superfici diverse, il Quick Shifter System (QSS), che permette di salire di marcia senza utilizzare la frizione mantenendo quindi il gas spalancato, e la frizione assistita di antisaltellamento (A&S) simile a quella utilizzata dalla YZF-R1 di ultima generazione.

Il cruise control è di serie e può essere attivato sopra i 50 km/h e fino a 180 km/h, dalla quarta alla sesta marcia. Il rapporto manubrio/sella/pedane, insieme alla forma e alla posizione del serbatoio, sono stati disegnati per mantenere una presa salda con le ginocchia. Per aumentare il comfort il telaio Deltabox è stato rivisto nel rapporto tra rigidità e resistenza, mentre i setting delle sospensioni sono stati realizzati specificatamente per questo modello.